La tragedia Pellicciardi. Libro-inchiesta di Gianfranco Bettin

Omicidio dei coniugi Pellicciardi.
I corpi, coricati sul letto, dove la guardia giurata Luigi Trezza li ha trovati supini tra le 3.15 e le 3.30, quando ha dato l’allarme all’istituto di vigilanza Carniel presso cui lavorava.
A quell’ora in servizio alla centrale c’era il figlio delle vittime, Daniele Pellicciardi, anche lui guardia giurata.
” Non potrò mai perdonare”.
Tutto avviene nella notte del 20 agosto 2007. Il luogo è Gorgo al Monticano, nel cuore della Marca trevigiana, ma la “scena” è in realtà quella del profondo Nordest. Due anziani coniugi, custodi di una grande villa, vengono sorpresi nel sonno da banditi che li uccidono brutalmente dopo averli torturati per costringerli ad aprire la cassaforte. Il delitto è orrendo, bestiale. Il paese è sconvolto, ma è l’intero Nordest a ritrovarsi profondamente scosso. A Roma, il governo guidato da Romano Prodi vara provvedimenti straordinari. Mentre le polemiche si fanno roventi, con la Lega che rilancia le ronde padane a presidio del territorio, si giunge all’arresto di tre sospetti. Sono un ragazzo romeno di vent’anni, che lavora nell’azienda del proprietario della villa, e due albanesi, Artur Lleshi e Naim Stafa, irregolari, pregiudicati, fuori in anticipo grazie all’indulto varato l’anno prima dal Parlamento: i personaggi ideali per scatenare un’ulteriore ondata di rabbia e per radicare ancor più il senso di minaccia in tutto il paese.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...