Nel nome di Luigi Rende

Fonte: http://www.strill.it/
I sorrisi di Sharon e Antonino sono il risvolto il più bello di quelle tragedie che colpiscono la nostra comunità e allo stesso tempo, sono quell’essenza buona e pura da preservare da ogni crimine ed atrocità. E la loro innocenza ha scandito questa mattina, momenti intrisi di ricordi e dolore nel ripensare alla prematura scomparsa della guardia giurata, Luigi Rende che perse la vita nell’assolvimento del dovere durante un tentativo di rapina avvenuto l’1 agosto 2007, e l’agguato a Melito Porto Salvo in cui fu ferito accidentalmente il 6 giugno scorso, il piccolo Antonino, il bambino di 4 anni colpito alla testa da un proiettile di rimbalzo sparato da un killer entrato in azione per uccidere un pregiudicato.
Ricordando il gesto eroico del giovane reggino, l’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale della Calabria, su proposta del presidente dell’assemblea, Giuseppe Bova, ha assegnato ad Antonino Laganà, la seconda borsa di studio “Luigi Rende” alla presenza dei componenti dell’ufficio di presidenza, alla famiglia Laganà e ai congiunti Rende accompagnati dalla piccola Sharon. Si tratta di un premio di 16mila euro, che l’assemblea di palazzo Campanella, dal 2007, conferisce per iniziative di carattere sociale e, in particolare, per sostenere il diritto allo studio.
“Siamo vicini alla Calabria che è stata offesa e violata ingiustamente da una fortissima ed inaccettabile ferocia – esordisce il presidente Bova – e non solo abbiamo voluto esprimere alla famiglia di Luigi Rende la nostra solidarietà ma abbiamo voluto anche, che un esempio di calabrese onesto, con un raro senso del coraggio, non venisse dimenticato dalle generazioni. A lui infatti, abbiamo intitolato una borsa di studio, assegnata l’anno scorso alla figlia, la piccola Sharon, e quest’anno ad Antonino, ferito da un criminale che ha sparato durante una recita scolastica. Non va sottovalutata inoltre, la forza d’animo, il coraggio e la dignità della famiglia Laganà nell’affrontare il lungo percorso di riabilitazione del bambino sottoposto ad un delicatissimo intervento chirurgico all’ospedale “Bambin Gesù” di Roma. A questi piccoli – aggiunge ancora Bova – vogliamo far sentire anche nei prossimi anni, la vicinanza della gente onesta calabrese e delle istituzioni che credono e lavorano per quella Calabria fatta in parte da elementi negativi, insopportabili, opprimenti e capaci di una violenza brutale, ma ci sono anche persone oneste, pronte a fare azioni dignitose, di solidarietà, di unione d’intenti come questo livello istituzionale vicino alla comunità non solo con enunciati ma con i fatti. Speriamo che la Calabria, insieme ad Antonino e a Sharon, risalga ed intraprenda un percorso positivo”.
Nel ringraziare le istituzioni e la comunità per l’affetto e la disponibilità mostrata in questi cinque mesi, la signora Laganà sottolinea “il doppio risvolto festivo di questo giorno, scandito dalla recente cattura dei responsabili di un’azione vile e criminale fatta da uomini che devono pentirsi” e, insieme al marito, chiede che “sia fatta giustizia così come l’ha avuta Luigi Rende”.
“E’ stato un evento che ha scosso le coscienze di tutti noi perché non si possono colpire degli innocenti – conclude la mamma di Antonino – Spero che la giustizia punisca questi delinquenti perché i bambini non si toccano, devono essere sempre tutelati ma soprattutto, dobbiamo garantire a loro un futuro. Oggi vivo quest’esperienza con un altro animo in cui prevale la positività, l’ottimismo di poter vivere in questa splendida terra e queste speranze le trasmetterò a mio figlio”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...